/, Brand Image, Case study, Infoagenzia, Social Media, Web/Sembra incredibile ma è vero, Bonus fino al 90% per chi fa pubblicità

Sembra incredibile ma è vero, Bonus fino al 90% per chi fa pubblicità

Oggi fare pubblicità conviene grazie al Bonus che ti finanzia fino al 90%! Sembra una fake news invece è tutto vero!

Nel link i benefici e come fare la domanda (Approfittane c’è tempo fino al 22 Ottobre 2018, gazzetta ufficiale del 24 Luglio 2018).

All’interno del decreto vengono definite regole, tempi e istruzioni per potere presentare la domanda di accesso al BONUS PUBBLICITA’.
Il BONUS è erogabile a tutte la PMI, micro e piccole imprese (indipendentemente da natura giuridica, dimensioni e fatturato) ed Artigiani che abbiano fatto domando entro il 22 Ottobre 2018. Il finanziamento verrà erogato nella forma di credito d’imposta, sugli investimenti pubblicitari incrementali (anche del 1% rispetto a quanto effettuato nell’anno precedente). Rientrano tutte le pubblicità effettuate:

  1. Su stampa cartacea (cataloghi, depliant, brochure, volantini, etc)
  2. Online (siti web, newsletter, social network, SEO, etc)
  3. Su radio e tv

Bonus pubblicità 2018: ecco le regole e i requisiti per richiedere l’agevolazione

Avranno diritto a richiedere il credito d’imposta i soggetti titolari di reddito d’impresa o di lavoro autonomo, nonché gli enti non commerciali, che effettuano investimenti in campagne pubblicitarie di valore incrementale rispetto a quanto effettuato nell’anno precedente sugli stessi mezzi di informazione. Per richiedere il bonus pubblicità 2018, quindi, sarà necessario che l’investimento in pubblicità superi almeno dell’1% il valore di quello dell’anno precedente e la Domanda del bonus pubblicità 2018 ha scadenza dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. Con l’anticipazione del contenuto del decreto attuativo, il Dipartimento fornisce anche le istruzioni e le regole per presentare domanda di bonus pubblicità 2018. L’istanza dovrà essere presentata in modalità telematica, che costituirà una sorta di prenotazione, da inviare all’Agenzia delle Entrate.
In merito alla scadenza, sarà necessario attendere la pubblicazione del provvedimento in Gazzetta Ufficiale: a partire da tale data, la domanda dovrà essere inviata entro trenta giorni a decorrere dal sessantesimo giorno successivo alla data di pubblicazione del decreto nella Gazzetta Ufficiale.

Nella domanda sarà necessario indicare i seguenti dati:

  1. dati identificativi dell’azienda (o del lavoratore autonomo);
  2. costo complessivo degli investimenti pubblicitari effettuati, o da effettuare, nel corso dell’anno;
  3. costo complessivo degli investimenti effettuati sugli analoghi media nell’anno precedente;
  4. indicazione dell’incremento degli investimenti su ognuno dei due media, in percentuale ed in valore assoluto;
  5. ammontare del credito d’imposta richiesto per ognuno dei due media;
  6. dichiarazione sostitutiva di atto notorio concernente il possesso del requisito consistente nell’assenza delle condizioni ostative ed interdittive previste dalle disposizioni antimafia.
  7. L’importo del credito da utilizzare in compensazione da ciascun richiedente è effettuata sulla base dei dati relativi agli investimenti effettivamente realizzati.

Il credito d’imposta attribuito potrà essere utilizzato esclusivamente in compensazione tramite modello F24.

2018-09-14T08:40:05+00:00